Prestazioni

Filtra per
Filtra per
44 risultati

Decompressione del canale vertebrale

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Decompressione del canale vertebrale

La decompressione del canale vertebrale è un intervento che ha l’obiettivo di risolvere la compressione del canale vertebrale, spesso alla base di disturbi motori e sensitivi.

A cosa serve

Questo intervento serve a risolvere il problema della compressione del canale vertebrale che può essere causato da ipertrofia delle articolazioni, dei legamenti, alterazioni del corpo vertebrale, presenza di protrusioni discali. Questa compressione comporta una pressione sulle strutture nervose presenti all'interno del canale.

Come si svolge

L'intervento chirurgico di decompressione del canale vertebrale viene svolto allargando il canale vertebrale tramite l'asportazione delle lamine vertebrali attraverso un approccio posteriore mediano-lombare. Potrebbe anche essere necessario fresare parzialmente le faccette articolari delle vertebre, in quanto spesso sono esse stesse causa della compressione del canale vertebrale. Per prevenire una futura instabilità vertebrale in questi casi viene eseguita anche una fissazione con viti e barre nei livelli interessati dalla decompressione.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome completo

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome completo

L’ecografia dell’addome completo è un esame che non prevede l’uso di radiazioni e si basa sull’emissione di ultrasuoni, che non provocano danno all’organismo. Viene effettuato tramite focalizzazione spaziale secondo i vari piani anatomici dell’organo.

A cosa serve

Grazie all’ecografia dell’addome completo si possono esplorare il fegato, la cistifellea, le vie biliari, la milza, i reni, il pancreas, lo stomaco, i grossi vasi sanguigni, la vescica, l’utero, le ovaie e la prostata. L’esame viene impiegato per visualizzare la morfologia dei parenchimi e l’eventuale presenza di lesioni.

Come si svolge

Per eseguire l’esame il paziente viene fatto sdraiare a pancia in su e successivamente si procede con lo scorrimento della sonda ecografica – azionata manualmente dal medico – sull’addome preventivamente cosparso di un gel trasparente che ha lo scopo di favorire il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome inferiore

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome inferiore

L’ecografia dell’addome inferiore è un esame diagnostico non invasivo che, grazie agli ultrasuoni, studia i principali organi dell’addome inferiore o dello scavo pelvico (vescica, prostata maschile, genitali interni femminili). Viene anche eseguita in ginecologia per sostituire o per completare l’esame ecografico transvaginale.

A cosa serve

L’esame viene eseguito per diverse motivazioni diagnostiche. Nei pazienti di sesso maschile è eseguito dal radiologo o dall’urologo per studiare la vescica, la volumetria prostatica e la capacità di svuotamento vescicale (residuo urinario post-minzionale). Nelle pazienti di sesso femminile è eseguito dal ginecologo o dal radiologo per studiare utero, ovaie ed eventuali masse dello scavo pelvico. In alcuni casi possono anche essere studiati il colon, le anse intestinali e l’appendice.

Come si svolge

Per svolgere l’esame, il paziente dovrà sdraiarsi in posizione supina. Successivamente verrà applicata una piccola quantità di gel sulla superficie cutanea dell’addome in modo che il medico possa appoggiare e muovere una sonda collegata all’apparecchiatura ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome superiore

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome superiore

L’ecografia dell’addome superiore è un esame diagnostico che consiste nello studio, tramite metodica ecografica (ultrasuoni), della parte superiore dell’addome. L’ecografia dell’addome superiore dura circa 15-20 minuti e prevede la collaborazione del paziente nelle apnee respiratorie.

A cosa serve

L’ecografia addome superiore viene prescritta con l’obiettivo di focalizzare l’attenzione su alcuni organi come fegato, colecisti, vie biliari, pancreas, milza e reni, in quanto posti nella sezione superiore dell’addome. È un esame diagnostico utile a individuare calcoli nella colecisti o nei reni, verificare eventuali lesioni epatiche (benigne e maligne), malattie renali o epatiche, controllare dimensione e forma della milza.

Come si svolge

Per svolgere l’esame il paziente si trova sdraiato a pancia in su. Il medico poi aziona manualmente la sonda ecografica che scorre sull’addome precedentemente ricoperto di gel trasparente. É possibile che il dottore, durante l’esame, chieda al paziente di trattenere il fiato o cambiare posizione, come ad esempio mettendosi sul fianco, in modo da poter mettere meglio in evidenza alcuni organi da esaminare.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia del seno

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia del seno

L’ecografia del seno è un esame di diagnostica per immagini che consente lo studio del parenchima mammario e dei cavi ascellari.

A cosa serve

Qualora ci fosse un sintomo clinico, l’ecografia del seno può rappresentare esame di primo livello consentendo di verificare l’origine del sintomo stesso (nodulo solido o liquido, raccolta flogistica, etc.). Nelle donne asintomatiche invece l’esame diventa un’indagine di secondo livello in seguito all’esecuzione di una mammografia ed al riscontro di un’alterazione sospetta o di un tessuto ad elevata densità ovvero ricco di componente fibro-ghiandolare. L’ecografia consente inoltre l’esplorazione dei cavi ascellari normalmente mal valutabili con la sola mammografia.

Come si svolge

Durante l’ecografia del seno il Medico Radiologo effettua lo studio di entrambe le mammelle e dei cavi ascellari tramite una sonda ad alta frequenza, appositamente studiata per i tessuti molli. Per eseguire l’esame è necessario che la paziente sia sdraiata in posizione supina e con le mani raccolte dietro la testa; fra sonda e cute viene applicato un gel per evitare che l’aria interposta blocchi gli ultrasuoni. La procedura completa dura circa 15 minuti.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia pancreatica

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia pancreatica

L’ecografia pancreatica è un esame diagnostico non invasivo che utilizza gli ultrasuoni per visualizzare e studiare il pancreas, i suoi dotti e le strutture vascolari connesse.

A cosa serve

Questo esame serve a verificare se esiste una patologia a carico del pancreas. In particolare, l’ecografia pancreatica permette di evidenziare la presenza di cisti, infiammazioni acute e croniche (pancreatiti) e neoformazioni di natura benigna o maligna. È particolarmente utile nel follow up delle neoformazioni benigne. Con questo esame è possibile, inoltre, evidenziare eventuali problemi alle vie biliari come dilatazioni, calcoli e tumori.

Come si svolge

Durante l’esame di ecografia pancreatica il paziente è sdraiato e dovrà assumere diverse posizioni a seconda dell’area da esplorare. Il medico radiologo appoggerà e muoverà sulla parte anatomica in esame una sonda ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate. L’ecografia pancreatica non è un esame invasivo e non comporta rischi per il paziente.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia pelvica

Scopri di più Richiedi una prenotazione
L’ecografia pelvica è un esame che non prevede l’uso di radiazioni e si basa sull’emissione di ultrasuoni. Viene eseguita mediante focalizzazione spaziale secondo i vari piani anatomici dell’organo oggetto dell’esame. Permette l’analisi morfologica degli organi contenuti nella pelvi.

A cosa serve

Tramite l’ecotomografia pelvica è possibile visualizzare, nell’uomo, vescica e prostata e nella donna vescica, utero e ovaie. L’obiettivo è quello di visualizzare la morfologia di questi organi e identificare eventuali masse atipiche o malformazioni.

Come si svolge

Per eseguire l’esame il paziente viene fatto sdraiare a pancia in su. La procedura prevede lo scorrimento della sonda ecografica sulla parte bassa dell’addome che è stata preventivamente cosparsa di un gel trasparente, il quale serve a favorire il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda. Per una migliore valutazione esistono sonde per lo studio della prostata e degli organi genitali interni femminili endocavitarie (trans-rettale negli uomini e trans-vaginale nelle donne).
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Fissazione strumentata (spondilolistesi)

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Fissazione strumentata (spondilolistesi)

La fissazione strumentata è una tecnica chirurgica che mira alla risoluzione delle spondilolistesi che non rispondono ai trattamenti conservativi come ginnastica posturale, ultrasuoni o uso di busti contenitivi.

A cosa serve

Si ricorre a questa tecnica chirurgica per il trattamento di spondolistesi malformative, delle spondilolistesi degenerative e della spondilolistesi traumatica, dopo aver stabilito il grado di instabilità lombare e l’insieme dei sintomi lamentati dal paziente.

Come si svolge

Per svolgere l’intervento il chirurgo pratica un’incisione cutanea di pochi centimetri. Poi, dopo aver individuato e isolato le strutture nervose, muscolari e ossee da trattare, passa alla fase di fissazione degli elementi, viti peduncolari e barre di titanio, che consentiranno di stabilizzare l’assetto alterato delle vertebre. Qualora la spondilolistesi sia associata ad una compressione dei nervi, il chirurgo provvede a liberare le strutture nervose dall’intrappolamento mediante un trapanino ad alta velocità.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Impianto protesi del ginocchio monocompartimentale

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Impianto protesi del ginocchio monocompartimentale

La protesi monocompartimentale del ginocchio (o sostituzione parziale del ginocchio) è un intervento chirurgico poco invasivo in cui viene sostituita, con un piccolo impianto, esclusivamente la parte danneggiata del ginocchio. Questo intervento è un’alternativa alla sostituzione totale del ginocchio e viene di solito suggerita ai pazienti il cui problema è limitato a una sola area del ginocchio.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Impianto protesi del ginocchio totale

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Impianto protesi del ginocchio totale

Qualora l’usura o le patologie presenti coinvolgano più di un compartimento del ginocchio, e quindi si parla di artrosi bi- o tricompartimentale, è necessario provvedere a impiantare protesi articolari diverse per forma e dimensioni, le cosiddette protesi totali.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Impianto protesi dell’anca

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Impianto protesi dell’anca

L’intervento di protesi totale dell’anca prevede la sostituzione completa dell’articolazione utilizzando delle protesi in metallo. Le protesi più utilizzate utilizzate sono costruite in lega di titanio, ma possono essere utilizzate anche protesi di differenti leghe metalliche.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Laminoplastica con lamine artificiali

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Laminoplastica con lamine artificiali

La Laminoplastica con lamine artificiali è una tecnica chirurgica che viene impiegata per la cura e il trattamento dell’ernia cervicale e della discartrosi cervicale. Le alterazioni della configurazione della colonna vertebrale possono provocare condizioni patologiche complesse a carico della zona cervicale. Il materiale che fuoriesce dal disco intervertebrale interferisce con le strutture nervose che sono localizzate nell’area cervicale.    
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi
San Camillo Hospital
Contatta il CUP della tua regione o la struttura
per maggiori informazioni sulle prenotazioni in convenzione con il SSN.
Oppure compila il form per richiedere una prenotazione in regime privato o assicurato
*I campi sono obbligatori

San Camillo Hospital

Via Padre Ignazio da Carrara, 37, Vittoria Apuana - 55042 Forte dei Marmi (LU)

Richiedi informazioni Contatta la struttura Invia segnalazioni
San Camillo Hospital
Contattaci per inviare la tua segnalazione

Per migliorare l’esperienza e il nostro servizio inviaci i tuoi suggerimenti e osservazioni.

Società di Gestione

Casa di Cura San Camillo Forte dei Marmi srl

C.F. e P.IVA 03672790049

REA CN 308463 Camera di Commercio di Cuneo

Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Piazza Cristo Re, 14 int 5 - 12051 Alba (CN)

PEC: sancamillofdm@legalmail.it

Trasparenza

DPO - Data Protection Officer
Responsabile Protezione dei Dati
SLCDPO srls
dpo@korian.it

UnipolSai Assicurazioni S.p.A.
RCT massimale assicurato:
per sinistro € 10.000.000; per persona € 3.000.000; per danni a cose € 3.000.000
RCO massimale assicurato:
per sinistro € 10.000.000; per persona € 3.000.000
SIR:
Eventi successivi al 20/05/2020 per lesioni € 50.000; per decessi € 150.000
Eventi precedenti al 20/05/2020 € 300.000
L’importo della SIR potrebbe variare a seconda della data di apertura del sinistro e della data dell’evento

Resta in contatto, iscriviti alla nostra newsletter
Scopri tutte le strutture sanitarie sul territorio nazionale