Prestazioni

Filtra per
Filtra per
55 risultati

Breath test al glucosio

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Breath test al glucosio

Il breath test è un esame diagnostico che trova il suo compimento nell’analisi di campioni di aria espirata. Questo test è utile per la diagnosi di sovracrescita batterica nell’intestino tenue.

A cosa serve

Il breath test consente di individuare alterazioni del sistema gastroenterico come: contaminazioni batteriche, malassorbimento intestinale e alterazione del transito intestinale, che possono manifestarsi mediante disturbi gastrointestinali caratterizzati da flatulenza, meteorismo, diarrea, distensione e crampi addominali.

Come si svolge

Il test non è altro che una raccolta di campioni di aria espirata, prima e dopo l’ingestione di glucosio sciolto in acqua, in un sacchetto di plastica a intervalli regolari. L’esame dura due ore.
Richiedi una prenotazione

Documenti

Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Breath test al lattosio

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Breath test al lattosio

Il breath test è un esame diagnostico che trova il suo compimento nell’analisi di campioni di aria espirata. Il breath test al lattosio è utile per la diagnosi di intolleranza al lattosio.  

A cosa serve

Il breath test consente di individuare alterazioni del sistema gastroenterico. Con il breath test specifico per il lattosio è possibile diagnosticare l’intolleranza al lattosio, una condizione in cui l’organismo non riesce a digerire completamente lo zucchero presente nel latte e nei suoi derivati.

Come si svolge

Il test non è altro che una raccolta di campioni di aria espirata, prima e dopo l’ingestione di lattosio sciolto in acqua.
Richiedi una prenotazione

Documenti

Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Breath test al lattulosio

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Breath test al lattulosio

Il breath test al lattulosio è un esame che viene effettuato sia per misurare il tempo di transito oro-ciecale sia l’eventuale presenza di sovracrescita batterica.  

A cosa serve

Grazie al breath test al lattulosio è possibile diagnosticare sia l’eventuale presenza di sovracrescita batterica sia un’alterazione del tempo di transito oro-cecale (OCTT) che rappresenta la misura indiretta della funzionalità del tubo gastroenterico. Si può riscontrare accelerato o rallentato.

Come si svolge

Il test consiste in una raccolta di campioni di aria espirata, prima e dopo l’ingestione di uno specifico zucchero sciolto in acqua (lattulosio), in un sacchetto di plastica a intervalli regolari. L’esame dura 4 ore.
Richiedi una prenotazione

Documenti

Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Campo visivo computerizzato

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Campo visivo computerizzato

L’esame del campo visivo computerizzato serve a valutare se sono presenti alterazioni di sensibilità retinica o alterazioni a carico del nervo ottico. L’esame è svolto un occhio alla volta e la durata dell’esame è di circa 15 minuti per occhio.

A cosa serve

L’esame serve a valutare se sono presenti alterazioni di sensibilità retinica o alterazioni a carico del nervo ottico.

Come si svolge

Il paziente viene posizionato in modo da fissare 4 mire luminose di colore verde all’interno di una cupola e dovrà tenere un pulsante in mano. In base agli stimoli visivi percepiti, il paziente darà un feedback attraverso l’utilizzo di un controller.
Richiedi una prenotazione
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Colonscopia

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Colonscopia

La colonscopia è un esame diagnostico che ha l’obiettivo di esaminare la superficie interna del colon attraverso l’utilizzo di una sonda endoscopica.

A cosa serve

L’obiettivo principale di questo esame è quello di esaminare lo stato di salute della mucosa colica, al fine di individuare eventuali lesioni, ulcerazioni, occlusioni, tumori o polipi.

Come si svolge

Per svolgere l’esame è necessario inserire il colonscopio nell’ano e farlo risalire nel retto e negli altri tratti dell'intestino crasso. Una volta raggiunto l'ultimo tratto dell'intestino tenue il colonscopio viene ritirato. Per riuscire a garantire una migliore visualizzazione della mucosa colica, durante la colonscopia, si inserisce anidride carbonica attraverso il colonscopio.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecocolordoppler addominale arterioso/venoso

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecocolordoppler addominale arterioso/venoso

L’Ecocolordoppler addominale arterioso/venoso è un esame non invasivo grazie al quale è possibile studiare il flusso ematico mediante la visualizzazione dei principali vasi sanguigni a livello addominale.

A cosa serve

L’ecocolordoppler fornisce immagini a colori (rosso e blu) dei flussi venosi e arteriosi evidenziando anche le più piccole lesioni delle pareti dei vasi consentendo di valutarne con precisione l'entità.

Come si svolge

Per prima cosa viene applicato un gel sulla parte del corpo del paziente da esaminare e in seguito il medico appoggia una sonda così da ottenere le immagini che serviranno per formulare la diagnosi. L’esame di ecocolordoppler dura circa venti minuti.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA)

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA)

L’Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA) è un esame utile a studiare e monitorare i vasi sanguigni (arterie e vene) che nutrono le strutture del capo, e per la diagnosi delle malattie cerebrovascolari.

A cosa serve

L’ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA) è un esame grazie al quale è possibile studiare la morfologia dei vasi (pervietà e calibro), riconoscere le lesioni aterosclerotiche (placche), il conseguente grado di stenosi e il loro evolversi e viene effettuato per escludere la presenza di trombosi venose. L’ecocolordoppler fornisce immagini a colori (rosso e blu) dei flussi venosi e arteriosi evidenziando anche le più piccole lesioni delle pareti dei vasi consentendo di valutarne con precisione l’entità.

Come si svolge

L’ecocolordoppler dei tronchi sovraortici (TSA) si svolge come una qualsiasi ecografia e non comporta alcun disturbo per il paziente.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome completo

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome completo

L’ecografia dell’addome completo è un esame che non prevede l’uso di radiazioni e si basa sull’emissione di ultrasuoni, che non provocano danno all’organismo. Viene effettuato tramite focalizzazione spaziale secondo i vari piani anatomici dell’organo.

A cosa serve

Grazie all’ecografia dell’addome completo si possono esplorare il fegato, la cistifellea, le vie biliari, la milza, i reni, il pancreas, lo stomaco, i grossi vasi sanguigni, la vescica, l’utero, le ovaie e la prostata. L’esame viene impiegato per visualizzare la morfologia dei parenchimi e l’eventuale presenza di lesioni.

Come si svolge

Per eseguire l’esame il paziente viene fatto sdraiare a pancia in su e successivamente si procede con lo scorrimento della sonda ecografica – azionata manualmente dal medico – sull’addome preventivamente cosparso di un gel trasparente che ha lo scopo di favorire il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome inferiore

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome inferiore

L’ecografia dell’addome inferiore è un esame diagnostico non invasivo che, grazie agli ultrasuoni, studia i principali organi dell’addome inferiore o dello scavo pelvico (vescica, prostata maschile, genitali interni femminili). Viene anche eseguita in ginecologia per sostituire o per completare l’esame ecografico transvaginale.

A cosa serve

L’esame viene eseguito per diverse motivazioni diagnostiche. Nei pazienti di sesso maschile è eseguito dal radiologo o dall’urologo per studiare la vescica, la volumetria prostatica e la capacità di svuotamento vescicale (residuo urinario post-minzionale). Nelle pazienti di sesso femminile è eseguito dal ginecologo o dal radiologo per studiare utero, ovaie ed eventuali masse dello scavo pelvico. In alcuni casi possono anche essere studiati il colon, le anse intestinali e l’appendice.

Come si svolge

Per svolgere l’esame, il paziente dovrà sdraiarsi in posizione supina. Successivamente verrà applicata una piccola quantità di gel sulla superficie cutanea dell’addome in modo che il medico possa appoggiare e muovere una sonda collegata all’apparecchiatura ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia addome superiore

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia addome superiore

L’ecografia dell’addome superiore è un esame diagnostico che consiste nello studio, tramite metodica ecografica (ultrasuoni), della parte superiore dell’addome. L’ecografia dell’addome superiore dura circa 15-20 minuti e prevede la collaborazione del paziente nelle apnee respiratorie.

A cosa serve

L’ecografia addome superiore viene prescritta con l’obiettivo di focalizzare l’attenzione su alcuni organi come fegato, colecisti, vie biliari, pancreas, milza e reni, in quanto posti nella sezione superiore dell’addome. È un esame diagnostico utile a individuare calcoli nella colecisti o nei reni, verificare eventuali lesioni epatiche (benigne e maligne), malattie renali o epatiche, controllare dimensione e forma della milza.

Come si svolge

Per svolgere l’esame il paziente si trova sdraiato a pancia in su. Il medico poi aziona manualmente la sonda ecografica che scorre sull’addome precedentemente ricoperto di gel trasparente. É possibile che il dottore, durante l’esame, chieda al paziente di trattenere il fiato o cambiare posizione, come ad esempio mettendosi sul fianco, in modo da poter mettere meglio in evidenza alcuni organi da esaminare.
Richiedi una prenotazione
Medici
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Ecografia del seno

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Ecografia del seno

L’ecografia del seno è un esame di diagnostica per immagini che consente lo studio del parenchima mammario e dei cavi ascellari.

A cosa serve

Qualora ci fosse un sintomo clinico, l’ecografia del seno può rappresentare esame di primo livello consentendo di verificare l’origine del sintomo stesso (nodulo solido o liquido, raccolta flogistica, etc.). Nelle donne asintomatiche invece l’esame diventa un’indagine di secondo livello in seguito all’esecuzione di una mammografia ed al riscontro di un’alterazione sospetta o di un tessuto ad elevata densità ovvero ricco di componente fibro-ghiandolare. L’ecografia consente inoltre l’esplorazione dei cavi ascellari normalmente mal valutabili con la sola mammografia.

Come si svolge

Durante l’ecografia del seno il Medico Radiologo effettua lo studio di entrambe le mammelle e dei cavi ascellari tramite una sonda ad alta frequenza, appositamente studiata per i tessuti molli. Per eseguire l’esame è necessario che la paziente sia sdraiata in posizione supina e con le mani raccolte dietro la testa; fra sonda e cute viene applicato un gel per evitare che l’aria interposta blocchi gli ultrasuoni. La procedura completa dura circa 15 minuti.
Richiedi una prenotazione
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi

Elettrocardiogramma

Scopri di più Richiedi una prenotazione

Elettrocardiogramma

L’elettrocardiogramma è un esame diagnostico ambulatoriale che permette di registrare e visualizzare graficamente l’attività elettrica del cuore. è possibile scoprire l’eventuale presenza di una malattia cardiaca o di un disturbo del ritmo (aritmia) o di conduzione.

A cosa serve

Questo esame può essere eseguito a riposo oppure sotto sforzo. A riposo permette di misurare il ritmo del cuore , può essere utile per individuare eventuali aritmie. Quando è eseguito sotto sforzo invece può essere di aiuto per la diagnosi di patologie cardiache latenti.

Come si svolge

Per svolgere l’esame vengono applicati sulla pelle del paziente alcuni elettrodi, collegati attraverso fili elettrici a un apparecchio chiamato elettrocardiografo. Gli elettrodi e i fili captano e trasmettono l’attività elettrica del cuore all’elettrocardiografo che la elabora e la stampa sotto forma di un tracciato grafico (elettrocardiogramma).
Richiedi una prenotazione
Scopri le convenzioni con assicurazione e fondi
Statuto
Contatta il CUP della tua regione o la struttura
per maggiori informazioni sulle prenotazioni in convenzione con il SSN.
Oppure compila il form per richiedere una prenotazione in regime privato o assicurato
*I campi sono obbligatori

Statuto

Piazza Statuto, 3 - Via Manzoni, 0 - 10122 Torino

Richiedi informazioni Contatta la struttura Invia segnalazioni
Statuto
Contattaci per inviare la tua segnalazione

Per migliorare l’esperienza e il nostro servizio inviaci i tuoi suggerimenti e osservazioni.

Società di Gestione

Santa Croce srl

C.F. e P.IVA 04290680018

REA MI 2646048 Camera di Commercio di Milano, Monza, Brianza e Lodi

Capitale sociale € 500.000,00 i.v.

Viale Cassala, 22 - 20143 Milano

PEC: pec@pec.santacrocesrl.info

Trasparenza

DPO - Data Protection Officer
Responsabile Protezione dei Dati
SLCDPO srls
dpo@korian.it
Resta in contatto, iscriviti alla nostra newsletter
Scopri tutte le strutture sanitarie sul territorio nazionale